+39 06 684919 pax@ofm.org

UFFICIO GENERALE PER GIUSTIZIA, PACE E INTEGRITÀ DEL CREATO

GPIC
NotizieBolletino Contatto

Benvenuti

“L’Ufficio generale per Giustizia, Pace e Integrità del Creato (GPIC), presso la Curia dei Frati Minori, offre aiuto e assistenza al Ministro generale e al suo Definitorio, per animare e coordinare tutto ciò che riguarda la Giustizia, la Pace e l’Integrità del Creato, in conformità alle Costituzioni generali, agli Statuti generali e alle decisioni dei Capitoli generali e dei Consigli plenari dell’Ordine” (SSpp, art. 1).

Risorse GPIC – OFM

Notizie

Corpus Christi: L’Eucaristia trasformazione di tutto il creato

A partire da questa prospettiva è bene che ci interroghiamo sul nostro celebrare, sul nostro partecipare all’Eucaristia, sulla nostra capacità di adorare il divino mistero presente nell’Eucaristia. Ma a partire da questa prospettiva è bene che ci interroghiamo anche sul nostro rapporto con la vita, col mondo, col creato e con tutte le creature, che proprio nell’Eucaristia cominciano a sperimentare il movimento di divinizzazione che è iniziato con la Pasqua di Gesù Cristo.

Vita ecologica in Mozambico: Proteggiamo la nostra casa comune!

In occasione della Giornata Mondiale dell’Ambiente, il 5 giugno, i frati hanno partecipato ad alcune attività per celebrare la giornata. Nella casa di formazione della città di Chimoio, i frati e gli studenti hanno partecipato a una campagna ambientale per piantare alberi. La cerimonia si è svolta in una delle scuole elementari della città.

La 72: L’Effetto Devastante della Militarizzazione del Confine a Tabasco, in Messico.

Il 27 maggio, pochi giorni prima che il ministro degli Esteri Marcelo Ebrard si recasse a Washington per iniziare i negoziati con gli Stati Uniti in merito alla minaccia tariffaria, il segretario aggiunto per gli affari frontalieri, i migranti ei diritti umani di Tabasco, José Ramiro López Obrador, ha annunciato lo schieramento di 100 agenti della polizia federale e 100 truppe della SEDENA (Segretariato per la difesa nazionale) a Tenosique per “rafforzare i compiti dell’Istituto Nazionale delle Migrazioni.”

Esperienza ecologica in Umbria

uesta meravigliosa esperienza di amicizia e di dialogo, mi rende, prima di tutto, testimone privilegiato di ciò che Laudato si’racconta della nostra fede e scienza, cioè come mettere in relazione la nostra stessa fede con la scienza. In secondo luogo, Carceri e Bosco Sacro fanno parte dei nostri ricchi patrimoni francescani. San Francesco e i suoi seguaci hanno sempre vissuto in stretta comunione con la natura rendendola dimora dell’incontro con Dio. Noi francescani possiamo così sviluppare un progetto di ‘spiritualità francescana’ dell’ecologia e del ministero ecologico. Possiamo utilizzare i siti sacri presenti nella natura sia per la nostra formazione alla spiritualità ecologica francescana sia per i visitatori e i pellegrini. Con le varie specie di piante, alberi, arbusti ed erbe, formazioni rocciose, paesaggi, l’intero ecosistema può diventare una sede di studi scientifici e la sua integrazione con la nostra fede generare ammirazione e spirituale attrazione estetica.

Incontro del Comitato Animazione GPIC 2019

Il Comitato di animazione GPIC dell’Ordine dei Frati Minori si è riunito a Gerico dal 10 al 14 giugno 2019, subito dopo il Consiglio Internazionale per GPIC a Gerusalemme. Il Comitato ha avuto un ottimo dialogo con la Commissione GPIC della Custodia di Terra Santa guidata da fra Giorgio Vigna, OFM. L’incontro tra i due commissioni ha messo in luce le opere dei fratelli nella Custodia che lavorano per GPIC specialmente con il loro ministero di presenza e del dialogo. L’Animatore Generale di GPIC ha espresso la sua gratitudine per il Consiglio Internazionale recentemente concluso a Gerusalemme con tutta l’organizzazione e i preparativi logistici che la Custodia ha fatto per i frati. Dopo di che i quattro membri del Comitato di animazione sono stati accompagnati da fra. Mario H’dchity, OFM per procedere a Gerico per la loro riunione.

Progetto Amazzonia: “Una Chiesa dal volto amazzonico e una Chiesa dal volto indigeno”

Il Sinodo per l’Amazzonia ci porta a riflettere sui problemi che questo momento rappresenta per la vita della Chiesa. Ci sono stati molti incontri su questo tema, il che dimostra che, al di là di tutti i possibili atti e documentazioni che fanno una diagnosi di questa ricca regione, il Sinodo sta aprendo nuove strade, nuovi modelli di evangelizzazione, per rispondere alle sfide della missione, soprattutto nella regione amazzonica.