+39 06 684919 pax@ofm.org

UFFICIO GENERALE PER GIUSTIZIA, PACE E INTEGRITÀ DEL CREATO

GPIC
NotizieBolletino Contatto

Benvenuti

“L’Ufficio generale per Giustizia, Pace e Integrità del Creato (GPIC), presso la Curia dei Frati Minori, offre aiuto e assistenza al Ministro generale e al suo Definitorio, per animare e coordinare tutto ciò che riguarda la Giustizia, la Pace e l’Integrità del Creato, in conformità alle Costituzioni generali, agli Statuti generali e alle decisioni dei Capitoli generali e dei Consigli plenari dell’Ordine” (SSpp, art. 1).

Risorse GPIC – OFM

Notizie

Messico, campi francescani

L’obiettivo di questi campi è che i giovani e gli adolescenti abbiano un incontro con Dio attraverso sorella Madre terra, prendendo come strumento la spiritualità francescana e i valori di GPIC. Per raggiungere questo obiettivo, i giovani vengono condotti in un ambiente che favorisca un incontro più diretto con la natura, motivo per cui si cerca il luogo adatto in base alla regione in cui si svolge il campo.

L’Ufficio GPIC di El Salvador

Nella Provincia Francescana “Nostra Signora di Guadalupe” in America Centrale, Panama e nella Fondazione di Santa Croce in Haiti, è presente una Commissione GPIC nella propria struttura di animazione provinciale. Questa ha a disposizione un frate nominato per l’animazione e il coordinamento, in ogni regione dove lavora GPIC, insieme alla Famiglia francescana. La provincia ha un progetto provinciale di evangelizzazione che comprende quattro punti per l’animazione GPIC: il primo, la GPIC nella formazione iniziale e permanente (programma di formazione); secondo, GPIC in ogni presenza di evangelizzazione (parrocchia, canonica); terzo, GPIC nei collegi scolastici della provincia; quarto, un ufficio di GPIC in ogni Paese. Non tutti i paesi della Provincia hanno un ufficio in quanto tale, quando in alcuni paesi dell’America centrale ci sono équipe di GPIC della Famiglia Francescana.

Il Tempo del Creato 2019

Dal 1 Settembre al 4 Ottobre, i cristiani di tutto il mondo celebrano il Tempo del Creato. Alcuni di noi pregano, alcuni fanno progetti pratici e alcuni fanno azioni di mobilitazione.

India: “Risparmia acqua e terra”

Una manifestazione ciclistica è stata organizzata dai frati di Chennai, Tamil Nadu, India del Sud il 7 luglio per la causa dell’acqua e della terra, e circa 250 bambini e giovani vi hanno partecipato. Hanno coperto circa 20 km di distanza dentro e intorno a Madhavaram, Chennai e la zona limitrofa con manifesti con slogan “Risparmia acqua e ti salverà più tardi; Niente acqua, niente vita; L’acqua è vita, trattala bene; Riutilizzare il passato, riciclare il presente, ridurre l’inquinamento in futuro…”

Diritti umani ed ecocidio in Venezuela

La tragedia del Venezuela si verifica a tutti i livelli: sociale, culturale, politico ed economico. Tuttavia, di fronte a così tanto dolore umano, scegliamo di concentrarci su diversi allarmi di azione. Denigriamo la distruzione ecologica e i suoi impatti sulle persone che soffrono. Deploriamo un calo dei servizi pubblici, l’alto costo delle attività economiche e una cattiva amministrazione pubblica. Oltre alla corruzione nelle regioni, le popolazioni rurali che vivono lontano dalla capitale sono le più colpite. A differenza delle aree esterne, la città di Caracas gode di servizi pubblici quasi ininterrotti. Nel corso degli anni, i gruppi ambientalisti, le comunità indigene e altre entità hanno formulato numerose lamentele ufficiali a causa dell’eccessiva crescita dell’estrazione mineraria illegale in Amazzonia.

Fra Joseph Nangle: “La collaborazione dei cattolici con Trump è scandalosa”

Fra Joseph Nangle appartiene all’Ordine dei Frati Minori ed è stato missionario in Bolivia per oltre 15 anni, è stato per altri 12 anni il condirettore del Servizio Missionario Francescano e lo scorso giovedì è stato arrestato, insieme ad altri 70 cattolici, per aver protestato contro la politica di immigrazione del governo di Donald Trump. Fra Joseph è stato così gentile da rispondere ad alcune domande per pazybien.es ed evidenzia la situazione grave in cui vivono i migranti a causa delle attuali misure messe in atto dall’amministrazione degli Stati Uniti